Salve cari lettori, se vi va, iscrivetevi alla NEWSLETTER (colonna destra) per non perdere nessun post o aggiornamento, seguite il blog sui canali social e diventate miei lettori fissi. Grazie per la visita!

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

mercoledì 30 settembre 2020

Josiah Bancroft - L'ascesa di Senlin

 Giorno 290 (nel mio blog):


Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione.



Titolo: L'ascesa di Senlin
Autore: Josiah Bancroft
Casa editrice: Oscar Vault Mondadori
Genere: Fantasy
Anno di pubblicazione in Italia: 2020

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui

Copertina rigida: Clicca qui



Trama:

La Torre di Babele è la più grande meraviglia del mondo conosciuto. Grande come una montagna, l'immensa Torre ospita innumerevoli Regni Circolari, alcuni pacifici, altri bellicosi, appoggiati l'uno sull'altro come gli strati di una torta. È un mondo popolato di geni e tiranni, aeronavi e motori a vapore, animali insoliti e macchine misteriose. Attirato dalla curiosità scientifica e dalle mirabolanti promesse di una guida turistica, Thomas Senlin, mite preside di una scuola di provincia, decide di visitarla. Anzi, gli sembra che, con i suoi lussuosi Bagni, sia proprio la meta ideale per la sua luna di miele con Marya. Solo che, appena arrivati, i due sposi si perdono tra la folla di abitanti, turisti e furfanti. Determinato a ritrovare la moglie, Senlin inizia una lunga ricerca tra bassifondi, sale da ballo e teatri di burlesque. Dovrà sopravvivere a tradimenti, assassini, e ai lunghi cannoni di una fortezza volante. Ma se vuole riavere Marya, sopravvivere non basterà: dovrà sapersi trasformare da uomo di lettere in uomo d'azione.


Commento/Recensione personale:

Avete presente quando si ha la sensazione che un libro vi chiami e vi dica "leggimi, leggimi, leggimi"? Ecco, io ho sentito quella voce nella mia testa con questo titolo.
Venivo dal mio periodo di stop dalle letture e dalle recensioni e, inoltre, la mia fiducia verso i romanzi fantasy che ultimamente stanno pubblicando spinti dalla moda e dal marketing più che dall'effettivo contenuto, era pari a zero.
Ho visto questo titolo che in effetti non è stato pubblicizzato molto e proprio questo è stato il primo segnale che mi spingeva a leggerlo, poi ho letto la trama e mi sono convinta sempre di più. Ho deciso di iniziarlo e devo dire che il mio intuito stavolta non ha sbagliato.
Il fantasy incontra il thriller e il mistero creando una miscela esplosiva e ricca di colpi di scena.
Il nostro protagonista Senlin, un giorno, mentre si trovava in visita insieme a sua moglie alla torre di Babele, che qui viene rappresentata come una montagna grandissima che ospita innumerevoli Regni circolari, si ritrova improvvisamente da solo e smarrisce la moglie tra la folla.
Da qui inizia la sua ricerca e la sua scalata lungo tutta la torre di Babele, attraversando i diversi Regni e affrontando le diverse difficoltà all'interno di essi.
La narrazione, da qui in poi, si trasforma nell'inizio di un viaggio meraviglioso, sensazionale e avvincente.
La descrizione delle atmosfere e la costruzione del worldbuilding sono a dir poco magistrali, riesci a vivere, anche solamente tramite l'immaginazione all'interno di quel mondo, percorri il viaggio insieme al protagonista. 
Patisci con lui, provi lo stesso stupore, le stesse emozioni e le stesse sensazioni, riesci quasi a percepire anche gli odori e i sapori che egli stesso prova.
Le persone che incontra, da quello più buono al più cattivo riesci a visionarle nella tua mente, ad ascoltare i discorsi e fai fatica anche tu a capire di chi fidarti.
La chiave della riuscita di questo romanzo, a mio parere, è il riuscire ad eliminare l'assurdo e ad inserire elementi più vicini alla realtà, non cadendo quindi nell'inverosimile.
Non si tratta di un libro perfetto poiché alcuni passaggi mi hanno fatta storcere il naso, ma senza darmi alcun fastidio o noia nel leggerli, a differenza di altri libri dove la mia voglia di abbandonarli superava di gran lunga quella di scoprire come sarebbero terminati.
Avrete sicuramente capito, quindi, che ho adorato "L'ascesa di Senlin" e non vedo l'ora che vengano pubblicati gli altri due romanzi che vanno a concludere questa storia, proprio per scoprire cosa si inventerà l'autore per portare al termine questa avventura e scoprire le sorti di ogni personaggio.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:

[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]

 

 

---> Seguitemi sui vari social:

 

Facebook: @leggoguardoscatto

Instagram: @leggoguardoscatto

Twitter: @smallintrix

Goodreads: Martina (leggoguardoscatto)






domenica 27 settembre 2020

Segnalazione: Ilaria Mossa - Una nota nel cuore (Martha e Joseph Prequel)

 Giorno 289 (nel mio blog):


Ben ritrovati, cari lettori, oggi vi segnalo una nuova uscita.



Titolo: Una nota nel cuore (Martha e Joseph Prequel)
Autore: Ilaria Mossa
Casa editrice: Romanzo autopubblicato
Genere: Romance
Anno: 2020





Trama:

Alla Moz-Art è tempo di prime volte e cuori in subbuglio. Sono gli anni Novanta e in America si respira una certa aria di ribellione e cambiamento che non fatica a riversarsi anche sugli adolescenti. Marta non ha mai conosciuto un ragazzo introverso, dagli occhi dolci e la capacità di ascoltare come Joseph. Anzi, i tipi come lui nemmeno li guarda. Di solito. Ma, come spesso accade nella vita, l’amore si rivela nei luoghi più inaspettati.

I genitori di Marta, però, non vedono di buon occhio quel ragazzo insicuro, povero, così diverso da ciò che si aspettano per la propria bambina. Così, fra pazzie e incertezze, Marta e Joseph dovranno fare i conti con il futuro per capire se il cuore ha la priorità o gli ostacoli sono troppo grandi da superare.

Il libro contiene lo spin off “18 anni dopo”!


Estratto

Dopo quella sera, capii che l’amore era un processo lento, come un virus che ti entra nella pelle quando meno te l’aspetti e poi, all’improvviso, ti ritrovi con un mal di pancia atroce. Da un giorno all’altro, ti ritrovi ad amare una persona ma non sai nemmeno quando è iniziato, qual è stata la causa scatenante. Succede e basta. Il tuo cuore batte all’impazzata quando sei insieme a lei ma non capisci in quale esatto momento ha iniziato ad accelerare.


L’autrice:

Ilaria Mossa è nata a Bari il 20 ottobre 1993. Grazie alla piattaforma Wattpad, nel 2016, si è innamorata della scrittura e ora non può più farne a meno. “Una nota nel cuore” è il suo romanzo d’esordio.

Facebook: www.facebook.com/MossaIlaria

Instagram: www.instagram.com/ilarymossa

Twitter: twitter.com/ilary933

Wattpad: www.wattpad.com/user/Ilaria_Mossa

Email: [email protected]


Grazie per aver letto questa segnalazione.

Alla prossima da:



---> Seguitemi sui vari social:


Facebook: @leggoguardoscatto

Instagram: @leggoguardoscatto

Twitter: @smallintrix

Goodreads: Martina (leggoguardoscatto)










 





sabato 26 settembre 2020

Ho cambiato nome al blog e non solo...

 Giorno 288 (nel mio blog):


Ben ritrovati, cari lettori, stavolta torno con delle novità.


Nella mia vita ho sempre cercato di migliorare me stessa.
Ho sempre cercato di aprirmi al cambiamento.
Proprio per questo, il mio blog da oggi cambia nome (il precedente non mi rispecchiava più) e non solo: cercherò di rendervi partecipi anche della mia vita, dei luoghi che visito, tramite i miei scatti fotografici.
Ho deciso di chiamarlo "Leggo - Guardo - Scatto" perché sono le cose che amo di più fare: leggere libri, guardare film e serie tv, scattare foto ed immortalare ogni istante.
Vi farò guardare il mondo attraverso i miei occhi e spero di trasmettervi le mie stesse emozioni.
Ho deciso anche di farmi chiamare con il mio vero nome, ovvero Martina. Basta pseudonimi, nickname inventati o nomi d'arte. Da oggi, questa sarò io in tutto e per tutto.
Ovviamente lo spazio più ampio sarà riservato alle recensioni.
Spero vi piaccia questo mio nuovo inizio.
A presto,
Martina.



---> Seguitemi sui vari social:


Facebook: @leggoguardoscatto

Instagram: @leggoguardoscatto

Twitter: @smallintrix

Goodreads: Martina (leggoguardoscatto)

mercoledì 23 settembre 2020

Manuela Chiarottino - La stessa rabbia negli occhi

 Giorno 287 (nel mio blog):


Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio Manuela Chiarottino per avermi contattata e avermi inviato anche questo suo romanzo in formato digitale.



Titolo: La stessa rabbia negli occhi
Autrice: Manuela Chiarottino
Casa editrice: Nessuna. Romanzo autopubblicato
Genere: Romance
Anno: 2020

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui

Copertina flessibile: Clicca qui


Trama:

Quando Luna si imbatte per la prima volta in Alex, in piedi davanti ai binari della stazione, ha subito la sensazione che loro due condividano la stessa rabbia e lo stesso livore per la vita. Certo, lei non conosce nulla del passato del nuovo arrivato in città, ma è proprio la percezione che ha di lui a spingerla ad accettare, man mano, la sua vicinanza. Fino a quel momento, il mondo di Luna è stato Raffaele, il suo migliore e unico amico, con cui condivide le sofferenze di una famiglia allo sbando e una vita scolastica infernale. Se Raf ha un padre inesistente e dei bulli che lo tiranneggiano per la sua omosessualità, Luna si sente bloccata in un dolore che non sa superare. Ma Alex è diverso, con lui Luna si sente finalmente amata, capita, addirittura bella. Pronta a dimenticare l’ombra della sorella perfetta dietro cui ha sempre vissuto. Tutto sembra volgere per il meglio, ma il destino ha ancora in serbo delle carte da giocare e una reazione a catena di eventi scoperchierà i segreti del passato. Riusciranno l'amore e l'amicizia a fare la differenza? Perché forse la perfezione non esiste per davvero: bisogna solo amarsi per quello che si è.

Commento/Recensione personale:

Ho letto questo titolo con la consapevolezza della bravura di questa autrice, soprattutto nello stile, poiché ho letto quasi tutte le sue opere e ognuna di loro mi ha lasciato qualcosa.
Rimango di questo mio pensiero, pur non avendo apprezzato a pieno "La stessa rabbia negli occhi".
Lo stile di scrittura, semplice, scorrevole e coinvolgente rimane, purtroppo però, a livello emozionale non è riuscito a fare breccia nel mio cuore come i precedenti titoli.
Ciò che ho apprezzato maggiormente è stato il messaggio di fondo che la narrazione vuole trasmettere al lettore, ovvero, bisogna accettarsi per ciò che si è nonostante la vita abbia lasciato cicatrici profonde all'interno del nostro animo e nonostante la propria sessualità. Viene inserita una storia di accettazione della propria omosessualità che viene trattata con delicatezza e chiarezza, che viene alternata a termini duri e discriminatori per far capire quanto la società sia ancora arretrata su certi aspetti. 
Ciò che però non mi ha convinto è la storia in sé poiché non ho trovato nulla di originale, i personaggi a volte risultano stucchevoli e sono presenti diversi cliché che, nella mia vita da lettrice, non ho mai digerito più di tanto: due si incontrano, uno dei protagonisti è tormentato, ma l'amore lo cambia e lo salva. E' un qualcosa che viene ripetuto in moltissimi romanzi appartenenti allo young adult.
Manca la sorpresa, lo stupore, l'adrenalina e, purtroppo, l'emozione.
Molto probabilmente tutto ciò credo sia dovuto anche ad un problema che sto riscontrando con il genere romance, che ultimamente mi sembra tutto molto banale e scontato tranne se si tratta di Nicholas Sparks per citarne uno contemporaneo o di autori appartenenti ai classici della letteratura italiana.
Credo che questo titolo vada benissimo per chi inizia ad approcciarsi a questo genere oppure a chi è ancora giovane di età e ha ancora il sogno di trovare il principe azzurro.
In conclusione vi dico che "La rabbia negli occhi", nonostante non mi abbia fatta impazzire, contiene dei messaggi educativi profondi e non ne contiene altri osceni e sbagliati come titoli appartenenti a questo target,invece, lanciano. Per citarne uno: After di Anna Todd che dire che sia diseducativo è molto riduttivo.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:



[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]

 

 

---> Seguitemi sui vari social:

 

Facebook: @leggoguardoscatto

Instagram: @leggoguardoscatto

Twitter: @smallintrix

Goodreads: Martina (leggoguardoscatto)





venerdì 18 settembre 2020

Daniele Murgia - Piccola imperfetta

 Giorno 286 (nel mio blog):


Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio l'autore, Daniele Murgia, per avermi contattata affinchè leggessi e recensissi il suo romanzo.



Titolo: Piccola imperfetta
Autore: Daniele Murgia
Casa editrice: Dialoghi
Genere: Fantasy
Anno: 2020

Link d'acquisto tramite Amazon:

Copertina flessibile: Clicca qui



Trama:

Nel mistico borgo di Logora, la vita non è facile per la quindicenne Sarah: in paese sono tutti spaventati da lei, in famiglia nessuno vuole che usi gli strani poteri con cui è nata. Ma Sarah è una giovane decisa a essere padrona del proprio destino, per lei la fuga è l'unica strada verso la liberazione. Inizia così il viaggio della piccola Imperfetta, alla scoperta di se stessa e dell'origine della propria magia. L'incontro con i membri della Kleg e quello con il giovane Allen porteranno Sarah in un dedalo di intrighi, dove nessuno è quello che sembra davvero e ognuno ha una buona ragione per mentire.

Commento/Recensione personale:

Nel corso degli anni ho letto diversi titoli appartenenti al genere fantasy, poichè mi appassiona, ma non tutti sono riusciti a conquistarmi. Questo genere, se non lo tratti con cura, risulta esser un miscuglio di troppe cose che alla fine creano più confusione che piacevolezza nella lettura.
Il titolo in questione non rientra tra le mie preferenze, ma devo dire che mi è piaciuto e anche se sono passati circa due o tre mesi da quando l'ho letto, mi ricordo piacevolmente il contenuto.
Non è sicuramente originale perché molti aspetti sono presenti in diversi romanzi o in molte pellicole cinematografiche, ma nonostante ciò, questo libro riesce a conquistarti grazie allo stile di scrittura lineare, semplice, ma allo stesso tempo coinvolgente.
La protagonista Sarah, riesce a farsi amare dal lettore poiché viene descritta come la ragazza della porta accanto, con l'unica differenza che lei possiede dei grossi poteri ai quali è costretta a rinunciare a causa del divieto, dalla parte della sua famiglia, di usarli.
Sin da subito riusciamo ad immedesimarci in lei: percepiamo le sue paure, riusciamo quasi a sentire i suoi pensieri più nascosti e risulta impossibile non entrare in empatia con la sua anima.
A lei, si uniranno altri personaggi che non sono abbozzati e inseriti all'interno della storia solo per arricchire la trama, ma hanno un loro spessore. Copriranno dei ruoli fondamentali allo sviluppo della trama e il loro modo di interagire con la protagonista risulterà interessante, ma anche divertente.
Avrete sicuramente capito che all'interno della narrazione, la componente che spicca maggiormente è la magia, in tutti i suoi aspetti, anche i più oscuri.
Ma c'è dell'altro: infatti, la narrazione scorre piacevolmente perché l'autore scrive tutta la storia sotto forma di un viaggio sia in termine letterario che dal punto di vista interiore.
Le atmosfere mi hanno ricordato molto i film dei supereroi Marvel e anche per questo, se siete appassionati di questo mondo, non potrete non farvi trascinare da questa lettura.
Una nota di merito, a mio parere, va all'autore che ha saputo creare una storia carina, ma ben strutturata, solida e senza alcun buco di trama.
Lo consiglierei ai più giovani perché, chi è mio coetaneo, solitamente va alla ricerca di qualcosa di più complesso. 
Io mi sono approcciata a questo titolo senza nessun tipo di aspettativa, lasciandomi trasportare da quella magia che mi ha accompagnata durante la mia adolescenza e mi ha avvicinata a questo mondo meraviglioso che è il fantasy.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:



[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]

 

 

---> Seguitemi sui vari social:

 

Facebook: @leggoguardoscatto

Instagram: @leggoguardoscatto

Twitter: @smallintrix

Goodreads: Martina (leggoguardoscatto)




mercoledì 9 settembre 2020

Sono tornata... Ecco cosa è successo!

 Giorno 285 (nel mio blog):


Ben ritrovati, cari lettori, oggi non voglio parlarvi di nessuna lettura che ho portato a termine, ma volevo parlarvi del perché sono sparita per tre mesi.

Quest'anno non è iniziato nel migliore dei modi, per nessuno di noi, a causa della pandemia che ha coinvolto tutto il mondo. Al di là delle opinioni e dei pensieri che si hanno, verso questo argomento, è innegabile che tutto ciò ci ha colpiti nel profondo. Ascoltavo e ascolto tutt'ora le notizie in tv e online: la situazione non migliora, almeno per adesso. Potete essere d'accordo o non con le scelte del nostro governo, ma non è di questo che voglio parlare ora e in questo momento non è importante, ma non prendetemi per pazza se dico che vedere tutte le persone con le mascherine, invase dalla paura, senza poter abbracciare i propri amici... ha destato in me un forte senso di sconforto, di nostalgia della vera "normalità". Questo è il primo motivo.

Il secondo motivo invece riguarda un fatto che è accaduto a giugno: purtroppo è venuta a mancare una persona a me molto cara, che da tempo consideravo un punto di riferimento. Dentro di me so che è stato meglio così poiché, data la sua malattia, è stata soggetta, per circa tre anni, di atroci sofferenze fisiche. Questo brutto male le ha tolto pian piano ogni autonomia fino a farla arrivare ad uno stato di perenne immobilità. Restava in funzione solo il cervello e il cuore, infatti, ogni qualvolta riceveva un messaggio da parte mia, con gli occhi sorrideva e faceva cenno alla badante di rispondermi. Nonostante io sappia che adesso ha smesso di soffrire, sarei falsa se vi dicessi che non ci sono stata male. Questo drammatico evento mi ha fatto perdere la voglia di fare qualsiasi cosa.

Punto tre: la mia salute. Purtroppo, sia in inverno che in estate soffro di dolori forti legati alla mia condizione fisica, ma che vengono aggravati dalle condizioni stagionali. Il caldo mi porta forti dolori alla schiena, l'umidità mi ricorda che non va per niente d'accordo con la cervicale ed altre cose che non specifico perché non voglio far pena a nessuno. Una cosa però è certa: non sono più la ragazzina che andava a scuola e riusciva (seppur con qualche difficoltà) a portare a termine i compiti scolastici con meno fatica e meno dolori. Nella vita si cresce e gli acciacchi sono pronti a ricordarci che l'età non è solo una cifra.

Questi sono i motivi principali per i quali non sono riuscita ad esser presente in questi mesi, ma nonostante ciò, non mi sono fermata (almeno dal punto di vista della volontà): sono andata alla ricerca di testi che mi insegnassero o mi aiutassero a capire come perfezionare il mio modo di scrivere, mi sono avvicinata al mondo del web design andando alla ricerca su youtube di diversi tutorial e video corsi (regalati dai miei amici), mi sono interessata anche alla creazione e al montaggio video, al web marketing e poi, come già avevo detto, sto studiando le lingue straniere, in particolar modo, inglese e spagnolo.

Nonostante durante questi mesi abbia solo raccolto materiale e non mi sia applicata molto in nessuno di questi campi, per i motivi che ho citato prima, sto iniziando da poco, con lentezza ma determinazione.

Non posso promettervi di essere presente come prima, dovreste domandarlo soprattutto alla mia salute e al tempo, ma ce la sto mettendo tutta per cercare di fare il possibile in base alle mie capacità e possibilità.

Sul blog e su instagram sono Smallintrix, ma nella vita reale sono Martina. Molti di voi mi conoscono come blogger, ma tanti altri come persona e sono contenta che alcuni di voi si siano interessati e mi abbiano fatto sentire il loro affetto, la loro stima. In particolar modo mi sento di ringraziare due autori, ormai diventati amici: Burt O.Z. Wilson e Oscar Lico. Quando ciò che fai si trasforma in condivisione e stima reciproca significa che, seppur non in maniera perfetta e eccellente, hai trasmesso qualcosa.

Ringrazio anche tutti i miei amici "reali" che, non solo mi hanno organizzato una piccola festa a sorpresa per il mio 28esimo compleanno dove le sorprese e le lacrimucce non sono mancate, ma soprattutto per essere al mio fianco, anche nei momenti più tristi e bui.

Ovviamente il ringraziamento più speciale va ai miei genitori, ma loro già sanno e non c'è bisogno che io scriva qui le motivazioni.

Sono tornata, seppur con i miei tempi, più determinata di prima.

Con affetto e gratitudine,

Martina o Smallintrix, fate un po' voi.



---> Seguitemi sui vari social:

 

Facebook: @ilblogdismallintrix

Instagram: @ilblogdismallintrix

Twitter: @smallintrix

Goodreads: Martina Villa (Smallintrix)