Salve cari lettori, se vi va, iscrivetevi alla NEWSLETTER (colonna destra) per non perdere nessun post o aggiornamento, seguite il blog sui canali social e diventate miei lettori fissi. Grazie per la visita!

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

martedì 19 novembre 2019

Blog Tour: Naghree - Asce, zanne e vampiri polverosi

Giorno 264 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio Antonella di "Ultima stesura" per avermi contattata e avermi permesso di partecipare al blog tour dedicato a questo romanzo.


Titolo: Asce, zanne e vampiri polverosi
Autore: Naghree
Casa editrice: Self publishing
Genere: Fantasy
Data d'uscita: 8 novembre (ebook) e 15 novembre (cartaceo) 2019

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui






Trama:

L’orco ha quasi completato la sua ricerca. Un ultimo ingrediente sulla lista, la polvere di vampiro, e potrà sposare la sua Ulderica. O almeno i piani erano quelli, finché non si è fatto derubare da un ladruncolo di strada.Il piccolo drow deve racimolare abbastanza refurtiva, altrimenti il vecchio lo punirà. E liberarsi di un grosso orco tonto non è un problema. O non lo sarebbe stato, se un licantropo non si fosse impicciato.La donna-lupo ha una traccia, porta dritta al vampiro che deve uccidere. E quell’orco fa proprio al caso suo. Deve solo aiutarlo a riprendere quella sua lista del cavolo dal covo di un boss della malavita. All'ordine del giorno, insomma. Ma qualcosa non va, come se si sentisse osservata.E infatti c'è una vampireling acquattata dietro al muro. Lei ha bisogno del sangue di un vampiro per completare la trasformazione. E l'orco e la licantropa pare sappiano dove trovarlo…In un viaggio tra guaritrici che non guariscono, non-morti che muoiono, sarti armati d’ascia e mostri di cartapesta, ce la farà questa compagnia sgangherata ad arrivare a destinazione? Forse, il vero pericolo, saranno i cartelli stradali.


Commento/Recensione personale:

Ci troviamo di fronte ad un fantasy umoristico pieno di creature magiche e della notte che danno vita ad una storia molto simpatica, accattivante e coinvolgente.
Quando ho iniziato la lettura ho avuto la sensazione che mi mancasse un romanzo precedente che spiegasse come si fosse arrivato a certi eventi narrati in questo titolo, ma fortunatamente andando avanti con la storia, sono riuscita a comprendere tutto.
La cosa che mi ha convinta di più sono stati i personaggi perchè hanno un carattere ben delineato: non risultano piatti o secondari. Ognuno di loro riveste un ruolo fondamentale all'interno della trama.
Non sono un amante del genere umoristico perchè difficilmente le battute mi fanno ridere, ma in questo caso sono riuscite a strapparmi qualche sorriso.
Le creature magiche che fanno da punto cardine alla narrazione sono principalmente orchi, licantropi e vampiri, ma troviamo anche altre specie che però risultano avere un ruolo marginale rispetto a questi.
Ulderica e la vampireling sono i personaggi che mi hanno più conquistata e hanno contribuito a mantenere la concentrazione sull'evoluzione narrativa, senza mai annoiarmi.
Ammetto che ci sono dei punti un po' spenti e superficiali, ma vengono compensati con dei colpi di scena inaspettati.
Il linguaggio è scorrevole, colloquiale e semplice. 
Concludo dicendo che ve lo consiglio se siete alla ricerca di un fantasy atipico e originale. Una lettura leggere alla portata di tutti e adatto a qualsiasi età.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:




[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix

giovedì 14 novembre 2019

Fabio Carta - Arma Inferno vol.1: Il Mastro di Forgia

Giorno 263 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio l'autore per avermi inviato una copia in ebook del suo romanzo.


Titolo: Arma Inferno volume 1. Il Mastro di Forgia
Autore: Fabio Carta
Casa editrice: Self publishing
Genere: Fantascienza/Distopico
Anno: 2015

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui


Trama:

Su Muareb, un remoto pianeta anticamente colonizzato dall’uomo, langue una civiltà che piange sulle ceneri e le macerie di un devastante conflitto. Tra le rovine v’è Karan, vecchio e malato, che narra in prima persona della sua gioventù, della sua amicizia con colui che fu condottiero, martire e spietato boia in quella guerra apocalittica. Costui è Lakon. Emerso misteriosamente da un passato mitico e distorto, piomba dal cielo, alieno ed estraneo, sulle terre della Falange, il brutale popolo che lo accoglie e che lo forgia prima come schiavo, poi servo e tecnico di guerra, ossia "Mastro di Forgia", ed infine guerriero, cavaliere di zodion, gli arcani veicoli viventi delle milizie coloniali. Ed è subito guerra, giacché l'ascesa di Lakon è il segno premonitore di quel grande conflitto i cui eventi lui è destinato a cavalcare, verso l'inevitabile distruzione che su tutto incombe.

Commento/Recensione personale:

Ci troviamo di fronte ad un volume di molte pagine, che contiene elementi non facili da capire a primo impatto, trattandosi di fantascienza e proprio per questo non va affrontato in maniera superficiale o leggera.
Nonostante la mole devo ammettere che per certi aspetti mi ha catturata: i personaggi sono ben caratterizzati e proprio per questo si viene a creare empatia con loro, le emozioni che provano sono ben descritte e soprattutto la narrazione scorre e coinvolge senza nessun intoppo.
E' presente la componente d'avventura e quindi alcuni avvenimenti si susseguono con diversi colpi di scena e un ritmo incalzante di non poco conto. Ho apprezzato tantissimo questo aspetto perchè, insieme alle scene dove il nostro protagonista narra tutte le vicende avvenute durante la guerra apocalittica sotto forma di ricordi, sono i punti forza della storia in sé ed è ciò che ti spinge a continuare la lettura.
Ciò che però avrei voluto veder sviluppato maggiormente sono le ambientazioni che vengono descritte solo inizialmente, ma che poi passano in secondo piano e seguire gli spostamenti dei personaggi risulta poco chiaro.
Inoltre avrei evitato molte espressioni e parole fin troppo ricercate che risultano superflue.
Data la lunghezza del romanzo non è facile riuscire a mantenere una concentrazione costante e proprio per questo alcuni passaggi risultano statici e noiosi.
Si vede che l'autore si è ispirato a romanzi di una certa importanza, come i classici della letteratura o i fantasy che hanno fatto la storia, ad esempio "Il signore degli anelli" o "Il trono di spade", ma avrei inserito più azione e meno dialoghi, una maggiore sviluppo della trama e meno punti spenti.
Nonostante ciò, ritengo che sia una lettura interessante, per alcuni aspetti originale e coinvolgente.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:

[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix

lunedì 11 novembre 2019

I Classici: Charles Dickens - Oliver Twist

Giorno 262 ( nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione.


Titolo: Oliver Twist
Autore: Charles Dickens
Casa editrice: Feltrinelli
Genere: Romanzo di formazione
Anno: 2014

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui

Copertina flessibile: Clicca qui



Trama:

Venticinquenne, nel 1837 Charles Dickens inizia la pubblicazione a puntate di Oliver Twist su una rivista. Uscirà nel 1838. È un successo mondiale immediato - la prima traduzione italiana è già del 1840 - che proseguirà ininterrotto fino ai giorni nostri, con traduzioni, adattamenti per ragazzi, trasferimenti in altri media. Sarà Dickens stesso a dare il via a un diverso uso del materiale del romanzo nelle sue tournée, che presenteranno rielaborazioni in forma quasi teatrale di scene ed episodi che, ritagliati dal contesto e dotati di una loro autonomia, suscitano un vero e proprio entusiasmo tra il pubblico. Incentrato sulle alterne fortune del piccolo Oliver, il libro è una sorta di racconto fiabesco che sa descrivere la multiformità del mondo grazie anche a una mobilissima visione sottolineata dal continuo gioco di piani, che allarga e restringe il campo tra personaggi, classi sociali, società nel suo insieme; tra paesaggi rurali, panorami urbani, vie cittadine, caseggiati, botteghe e abitazioni... Un libro però che resta una grande favola e dove alla fine trionfa il principio del Bene.

Commento/Recensione personale:

Chi non conosce la storia di Oliver Twist? Penso in pochi. Da questo classico hanno tratto due film e il più recente risale al 2005.
Avevo in mente di leggere questo titolo da tanti anni: ricordo che quando ero piccola iniziai a leggerlo, ma poi lo abbandonai perchè in quei tempi non ero una grande lettrice.
Ho deciso di iniziarlo adesso e devo ammettere di aver provato sentimenti contrastanti, ma vi spiego il motivo.
La prima parte di Oliver Twist l'ho trovata meravigliosa, quelle storie forti che piacciono a me, dove la componente drammatica prevale su tutto il resto. Seguiamo il protagonista passare da una situazione all'altra che lo porteranno a interagire con diversi protagonisti, prevalentemente negativi, ma che lo aiuteranno nell'acquisizione della consapevolezza di sé e nella sua maturazione che lo aiuterà a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato.
Ho apprezzato anche la descrizione del contesto storico e i luoghi descritti in maniera magistrale.
Il personaggio di Oliver viene descritto a approfondito molto bene, tanto da farmi provare le stesse sue emozioni, sensazioni e stati d'animo.
Ciò che non mi ha convinto è stato lo stile di scrittura, a mio parere dovuto ad una traduzione non del tutto semplice che ai miei occhi è risultata un pò arcaica e di difficile comprensione. 
Inoltre, nella seconda parte la storia un po' si perde, concentrandosi su altri personaggi e lasciando da parte Oliver che, a mio parere, è colui che tiene in piedi la narrazione e coinvolge il lettore a seguire con attenzione la trama.
Si percepisce molto che sia un romanzo scritto a puntate: brevi racconti uniti che vanno a comporre la storia. Anche questo fattore ha contribuito a non farmi apprezzare appieno la lettura.
Bella, invece, la conclusione e il messaggio che Dickens vuole trasmettere nonostante le varie peripezie che il nostro protagonista è costretto ad affrontare.
Recupererò sicuramente il film perchè, guardando il trailer, credo sia molto fedele al romanzo e magari, quelle parti che non mi sono piaciute del tutto, riusciranno a convincermi a livello visivo.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:


[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix