Salve cari lettori, se vi va, iscrivetevi alla NEWSLETTER (colonna destra) per non perdere nessun post o aggiornamento, seguite il blog sui canali social e diventate miei lettori fissi. Grazie per la visita!

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

giovedì 21 febbraio 2019

Charles Dickens - A Christmas Carol

Giorno 218 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio Enrico De Luca e la casa editrice "Caravaggio Editore" per avermi inviato una copia del romanzo.


Titolo: A Christmas Carol
Autore: Charles Dickens
Curato e tradotto da: Enrico De Luca
Casa editrice: Caravaggio Editore
Genere: Racconto classico
Anno di pubblicazione di questa edizione: 2018

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui

Copertina flessibile: Clicca qui


Trama:

A Scrooge, vecchio e insensibile usuraio, poco importa del Natale e del bene che potrebbe fare agli altri, da Fred, suo unico nipote, a Bob Cratchit, suo misero e sfruttato impiegato. Ma proprio la notte di Natale gli appare lo spettro del defunto socio in affari, Jacob Marley, il quale, dopo averlo aspramente rimproverato per la sua riprovevole condotta, gli preannuncia la visita di tre fantasmi. Essi gli permetteranno di viaggiare nel Natale passato, presente e futuro e di osservare il suo se stesso com’era un tempo non molto lontano, come fosse profondamente cambiato e a cosa sarebbe andato incontro. Scrooge, provato e colpito da questo viaggio psichico, riesce a comprendere una verità insospettata: solo l’amore può dare un significato alla vita di ogni essere umano. A Christmas Carol, inaugurale racconto natalizio, conserva intatto ancora oggi il suo potere di commuovere e di additare all’umanità un esempio di fratellanza e un cammino di speranza. *** 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐚 𝐝𝐢 𝐜𝐨𝐩𝐞𝐫𝐭𝐢𝐧𝐚: «Mi chiedo se per caso hai letto i Racconti di Natale di Dickens. […] Io ne ho letti due, e ho pianto come un bambino, ho fatto uno sforzo incredibile per smettere. Quanto è vero Dio, sono meravigliosi, e mi sento così bene dopo averli letti. Voglio uscire a far del bene a qualcuno [...]. Oh, come è bello che un uomo abbia potuto scrivere libri come questi riempiendo di compassione il cuore delle persone!». Così si esprimeva Robert Luis Stevenson, autore dell’Isola del Tesoro, riferendosi ad una delle opere più celebri e lette di Dickens, A Christmas Carol, che risulta essere indubbiamente un piccolo grande libro al fascino del quale è difficile sottrarsi e che, per la prima volta in Italia, è offerto ai lettori moderni col titolo originale in una nuova, integrale e commentata edizione a cura di Enrico De Luca. La copertina riprende la grafica della prima edizione del 1843. 

Commento/Recensione personale:

Ho trovato questo racconto ancora più magico e significativo rispetto a "Il grillo del focolare" (trovate la recensione cliccando QUI). Infatti, l'ho "divorato" in pochissime ore. L'ho trovato molto più fluido e lineare.
Stiamo parlando del più famoso e forse il più importante dei racconti di Dickens riguardante il Natale, ovvero "A Christmas Carol".
Mi dispiace di averlo potuto leggere solo adesso e non nel periodo natalizio, ma purtroppo le poste italiane mi hanno recapitato il pacco a gennaio. Nonostante ciò non mi è pesato leggerlo adesso, tutt'altro.
Questa lettura mi ha colpita molto a livello personale poichè anche io, da un po' di anni, ho un avversione verso il Natale.
Proprio per questo motivo, ciò che mi ha emozionata maggiormente, è l'apparizione degli spiriti che cercano di spingere il protagonista ritrovare l'amore verso questa festività cercando di farlo riflettere sulla propria vita, attuale, passata e futura e proponendo vari ricordi affinchè egli dia ascolto alla parte più fanciullesca e sentimentale di sé.
Lo spirito che mi ha fatto riflettere maggiormente è "lo spirito del Natale passato" perchè è riuscito, seppur tramite frasi scritte, a riportarmi indietro con la mente facendo riemergere in me vecchi ricordi che avevo rimosso, e ho provato le stesse sensazioni del protagonista. In questo caso mi sono immedesimata quasi del tutto.
Gran parte del merito della riuscita di questa nuova edizione, chiaramente integrale, è dovuto alla magistrale e chiara traduzione di Enrico De Luca che inserisce, oltre alla passione, la cultura che lo distingue da molti altri traduttori.
Anche in questo ritroviamo numerose note che chiariscono sia lo stile di scrittura sia il pensiero di Dickens.
Trattandosi di un titolo famosissimo vi starete chiedendo se ho mai visto le trasposizioni cinematografiche e vi rispondo tranquillamente di sì, ma quando ero molto piccola e non ricordavo quasi nulla. Ho approfittato di questa meravigliosa edizione pubblicata da "Caravaggio Editore" per rispolverare la storia e approfondirla.
Un classico senza tempo che tocca il cuore e che tutti dovrebbero conoscere.
Un ultimo appunto vorrei farlo sulla meravigliosa veste grafica che fa apprezzare maggiormente questa nuova edizione: lo stesso vale per "Il grillo del focolare".


Alla prossima da:


[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix

Nessun commento:

Posta un commento