Salve cari lettori, se vi va, iscrivetevi alla NEWSLETTER (colonna destra) per non perdere nessun post o aggiornamento, seguite il blog sui canali social e diventate miei lettori fissi. Grazie per la visita!

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

mercoledì 31 ottobre 2018

Review party: Luca Bortone - Per mia figlia

Giorno 182 (nel mio blog):

Ben ritrovati cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio Elisa Costa per avermi coinvolta in questa iniziativa e per avermi inviato una copia del romanzo.



Titolo: Per mia figlia
Autore: Luca Bortone
Casa editrice: Panesi Edizioni
Genere: Thriller
Anno: 2018

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui

Copertina flessibile: Clicca qui



Trama:

Il dovere di un buon padre è proteggere la famiglia dall'orrore. Cosa succede quando fallisce? Per mia figlia è un thriller crudo, che si sviluppa attorno a una semplice domanda: fin dove può spingersi l'amore di un padre davanti allo stupro subito dalla figlia, che avrebbe solo voluto tenere nascosta ogni cosa? Dopo il successo di Land Grabbing, Luca Bortone torna con un thriller ricco di suspense, adrenalina e colpi di scena, in cui i protagonisti sono costretti a fare i conti con la crudeltà della vita e con le ombre nascoste nel profondo del loro animo.

Commento/Recensione personale:

Per halloween ci si aspetta di leggere la recensione di un horror, invece io vi parlo di un thriller. Vi domanderete cosa ha a che fare con questa ricorrenza, bè posso dirvi che contiene dei risvolti oscuri che non vi aspettereste mai.
Si tratta di un padre che non si arrende e non troverà pace fin quando non scoprirà chi, quattro anni prima, ha stuprato la propria figlia. Sappiamo molto bene che il tema dello stupro è tanto oscuro quanto malato. Da queste mie prime parole si potrebbe pensare che si tratti di un classico giallo, degno dei più grandi investigatori, ma non è così. Si parla di vendetta personale, di amore verso la propria famiglia e di voler mettere una punto ad un passato che non smette mai di tormentare il protagonista e la figlia.
La lettura è stata abbastanza scorrevole e ho apprezzato i colpi di scena che sono avvenuti a romanzo inoltrato, ma altre cose non mi hanno convinta. La prima parte del romanzo l'ho trovata un po' lenta e confusionaria, come se si volesse allungare il brodo per non scrivere poche pagine. Avrei preferito che si approfondisse il tema dello stupro e soprattutto le sensazioni, non l'atto in sé descritto anche in modo abbastanza sempliciotto. Alcuni dialoghi li ho trovati fin troppo semplici e scontati. In alcune parti, specialmente nella prima metà del romanzo, ho trovato troppo caos e molti personaggi: alcuni di loro non si sono rivelati importanti per la narrazione. Inoltre, non mi ha convinto un particolare che viene svelato con il colpevole dello stupro, ma non lo dico per non fare spoiler.
Per il resto però l'ho trovato coinvolgente e soprattutto nei capitoli finali, inaspettato. Questo romanzo evidenzia fin dove l'amore di un padre può arrivare, cosa si è disposti a fare e quanto si rischia nel farlo. Ciò che ho apprezzato maggiormente è l'evidenziare la rabbia del padre verso chi ha compiuto quell'atto e il fatto di non arrendersi, seppur questo possa intralciare le indagini della polizia.
Se vi spaventa il pensiero che possa trattarsi di una storia prevedibile, non è così, parola mia. Conosco benissimo questa preoccupazione perché sono un'amante dei thriller e alcuni possono risultare scontati e prevedibili.
Se, come me, non amate l'horror e non sopportate le scene splatter, questa è una valida alternativa che calza a pennello ad halloween, ma non solo. Mi sento di consigliarlo anche a chi vuole accostarsi al thriller con qualche sfumatura inerente al genere giallo. 
Io l' ho letto in due pomeriggi perché ha la capacità di tenere il lettore incollato alle pagine, premiandolo con un finale degno dei migliori thriller.
Con tutta la mia umiltà mi sento di consigliare all'autore, per un prossimo romanzo, di diminuire gli elementi di contorno ed incentrarsi su temi più importanti come ad esempio, in questo caso, lo stupro.
Ringrazio ancora una volta Elisa Costa che sa bene di poter contare sempre su di me: quando lei chiama io rispondo, sempre. Ringrazio l'autore per avermi fatta immergere all'interno di un romanzo diverso dal solito e la casa editrice per averlo pubblicato e non aver permesso che rimanesse chiuso in un cassetto.

Alla prossima da:


[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix



Nessun commento:

Posta un commento