Salve cari lettori, se vi va, iscrivetevi alla NEWSLETTER (colonna destra) per non perdere nessun post o aggiornamento, seguite il blog sui canali social e diventate miei lettori fissi. Grazie per la visita!

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

martedì 3 aprile 2018

Film: Vi presento Christopher Robin

Giorno 61 (nel mio blog):

Ben ritrovati cari lettori. Spero abbiate trascorso una felice Pasqua. Oggi vi parlo di un film uscito a dicembre nelle sale italiane e disponibile da poco in DVD.


Titolo: Vi presento Christopher Robin
Casa di distribuzione: 20th Century Fox
Anno: fine 2017/inizi 2018
Genere: Biografico


Trama:

Vi presento Christopher Robin racconta il legame tra l'autore di libri per bambini A.A. Milne (Domhnall Gleeson) e suo figlio Christopher Robin (Will Tilston), che con il suo orsacchiotto ha ispirato la storia di Winnie-the-Pooh. Insieme alla madre Daphne (Margot Robbie) e la tata Olive (Kelly Macdonald), Christopher Robin e la sua famiglia si ritrovano in poco tempo circondati dal successo del libro, la cui vicenda dona speranza e gioia all'Inghilterra dopo la Seconda Guerra Mondiale. Ma quale sarà il costo per la famiglia, con gli occhi del mondo tutti puntati sul piccolo Christopher Robin?


Recensione/Commento personale:


---> Attenzione: sono presenti spoiler <---

La pellicola narra la reale storia del creatore del famoso romanzo, divenuto successivamente anche un cartone animato, Winnie The Pooh. Girando un pò su Internet ho letto che il pubblico e la critica hanno stroncato questo film, tuttavia non sono del tutto concorde. Ammetto si tratti di un film per certi aspetti lento e privo d'azione, ma è interessante scoprire quale sia la realtà che si cela dietro la creazione di un mondo interamente dedicato ai bambini, che nel libro viene narrato e nei cartoni animati viene mostrato.
Quando ero piccola non ero grande fan di Winnie The Pooh perchè ho sempre preferito la Walt Disney, tuttavia ho deciso di documentarmi guardando questo film.
Il tutto avviene durante la prima guerra mondiale. L'autore inizialmente dopo aver preso parte alla guerra ed esserne rimasto profondamente segnato decide di cambiare vita, di trasferirsi e iniziare a scrivere un libro, ma inizialmente non è colto dall'ispirazione finchè un giorno, osservando suo figlio Christopher e i suoi peluche, decide di scrivere il romanzo interamente dedicato e ispirato a quest'ultimo.
Ammetto che la figura del protagonista soprattutto da bambino a tratti l'ho trovata particolarmente fastidiosa a causa di molti comportamenti capricciosi. Mi è dispiaciuto però come questo successo possa aver creato in qualche modo un trauma nel figlio poichè si è trovato catapultato sotto i riflettori sin dall'infanzia e proprio a causa di ciò è vittima di atti di bullismo.
Divenuto ragazzo, il successo del romanzo non cessò, così decise di fuggire da quella vita arruolandosi in guerra. Non vi racconto la fine e ho tralasciato un rapporto importante che nasce tra Christopher e una donna per non farvi ulteriori spoiler. Il film presenta molte pecche, ma mi sento di consigliarvelo se volete documentarvi e scoprire cosa si cela davvero dietro questa storia.

Alla prossima da:



Nessun commento:

Posta un commento