Salve cari lettori, se vi va, iscrivetevi alla NEWSLETTER (colonna destra) per non perdere nessun post o aggiornamento, seguite il blog sui canali social e diventate miei lettori fissi. Grazie per la visita!

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

Benvenuti nel Blog di Smallintrix

venerdì 19 giugno 2020

Segnalazione: Oscar Lico - Nessun colpevole

Giorno 284 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori. Oggi voglio segnalarvi il romanzo di un autore davvero promettente.
Spero che questa segnalazione vi spinga ad avvicinarvi ad esso e a voler leggere questo titolo.


Titolo: Nessun colpevole
Autore: Oscar Lico
Genere: Thriller
Casa editrice: BookRoad
Anno: 2020

Link d'acquisto: Clicca qui



Trama:

Quando Chiara e Alessandro decidono di mettersi in macchina per concedersi una meritata vacanza, non sanno che le loro vite verranno presto stravolte. Una fatale distrazione, lo schianto, poi il buio. Al tremendo incidente lui sopravvive, ma di Chiara non c’è più traccia. Le lunghe e interminabili settimane trascorse in ospedale non fermano Alessandro che continua, senza sosta, nella ricerca della sua adorata moglie.
Chiara tuttavia non è morta, ma è caduta nelle mani di un folle medico che la terrà prigioniera sottoponendola a orride torture compiute per i suoi crudeli esperimenti, in nome della ricerca scientifica.
Grazie all’aiuto del Tenente Tavani, dopo tre mesi dall’incidente, Alessandro riuscirà finalmente a ritrovare la sua amata. La gioia del ritrovarsi, tuttavia, dovrà lasciare spazio a una sconvolgente verità.

CONTATTI 

Fb: Oscar Lico

Pagina autore Instagram: libronessun_colpevole

Profilo Instagram personale: oscarlukos


Grazie per aver letto questa segnalazione.

Alla prossima da:



martedì 9 giugno 2020

Giuliano Petrigliano - Fino a quel momento soffrirai come un cane

Giorno 283 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio Elisa Costa di "Saper scrivere" per avermi contattata nuovamente affinché leggessi questo titolo.


Titolo: Fino a quel momento soffrirai come un cane
Autori: Giuliano Petrigliano
Genere: Raccolta di poesie
Casa editrice: Bertoni

Link d'acquisto tramite Amazon:

Copertina flessibile: Clicca qui


Trama:

Una raccolta scanzonata, dissacrante, a volte ironica: non c'è la forma ricercata della lirica, ma lo stile scorrevole della prosa; eppure, nel suo modo di raccontare e raccontarsi, Petrigliano riesce a guardare negli occhi il lettore e a raccoglierne l'empatia. 
Ecco quindi che, girata l'ultima pagina, si ha quasi l'impressione di aver rivisto un vecchio amico, di aver bevuto con lui al bancone di un bar e aver ragionato insieme, con un pizzico di cinismo e un po' di tenerezza, di tutti quegli amori, avventure e sconfitte che si stagliano sotto il cielo di questa grande giostra che è il mondo.

Commento/Recensione personale:

Non mi sento di descrivere questo titolo come una raccolta di poesie, piuttosto direi che si tratta di un insieme di pensieri dell'autore, nati da alcuni stati d'animo e da situazioni che sono venute a crearsi nel corso della sua vita.
Se leggete il libro tutto d'un fiato, come ho fatto io, (anche perché la mole è molto contenuta) riuscirete a percepire il testo come se fosse un unico racconto e, i diversi pensieri espressi dall'autore, si collegheranno tra di loro dalla fine di un capitolo all'inizio dell'altro.
Quindi ho percepito il tutto come se fosse una vera e propria storia senza alcun tipo di distaccamento.
Ciò che ho apprezzato maggiormente è stato il linguaggio schietto, sincero e trasparente. Insomma, mi sento di poter affermare che l'autore non ha peli sulla lingua.
Alcuni passaggi li ho trovati molto significativi, ma allo stesso tempo provocatori perché l'ironia che Giuliano usa, ci fa riflettere soprattutto sull'ipocrisia che molte persone usano in alcune circostanze. Ad esempio, muore un cantante famoso che magari prima non si conosceva, del quale spesso non si apprezzava neanche la musica, ma siamo pronti a condividere sui social messaggi commemorativi in occasione della sua scomparsa. Certo, dispiace sempre quando muore una persona, ma dire (solo nel giorno della sua morte) di conoscere a memoria le sue canzoni o di averlo apprezzato così tanto da diventare l'artista del cuore, mentendo spudoratamente, fa evincere l'ipocrisia e la falsità di chi pubblica il post, magari per apparire più sensibile.
Si tratta soltanto di un esempio, ma vengono smosse diverse provocazioni di questo tipo riguardanti altri ambiti, come la chiesa, il mondo LGBT e molto altro.
Non credo sia un titolo per tutti poiché alcuni messaggi non vengono espressi in maniera chiara, ma si deve leggere tra le righe, prestare attenzione e non fermarsi alla singola parola.
Ho trovato piacevole la lettura di "Fino a quel momento soffrirai come un cane" e non ha fatto nascere in me alcuna sensazione negativa, anzi tutt'altro.
Vi lascio con un suo pensiero che mi ha colpita molto e che condivido in pieno.

"Fino a quel momento soffrirai come un cane:

Non è che uno si diverta sempre ad essere triste, a scrivere poesie tristi e a fare la parte del triste in ogni situazione e in ogni gruppo sociale. Ma può essere che questo ruolo gli riesca facile o che la vita gli stia girando in un modo che non può fare diversamente.
Ora non tirarmi fuori la vecchia solfa del sorridere sempre e prendere la vita di petto. [...]"


Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:


[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix






martedì 2 giugno 2020

Roberto Carboni - Il giallo di Villa Nebbia

Giorno 282 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio l'autore per avermi contattata affinché leggessi il suo romanzo.


Titolo: Il giallo di Villa Nebbia
Autore: Roberto Carboni
Casa editrice: Newton Compton Editori
Genere: Giallo

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui

Copertina flessibile: Clicca qui


Trama:

Piero Bianchi non è ben visto nel paese in cui vive. Sua moglie si è suicidata e lui ha fatto a lungo abuso d'alcol, i compaesani lo considerano un assassino. E così, quando viene a sapere che in un luogo chiamato Villa Nebbia cercano un custode, si presenta per avere il lavoro. A riceverlo è un avvocato, Emidio, ex marito dell'anziana proprietaria della villa, uscita dopo anni dal manicomio. Di lei si occupa la giovane Mariasole: le due donne sono le uniche abitanti di Villa Nebbia. Piero non desidera altro che un po' di tranquillità e quella residenza spettrale, costantemente avvolta dalla foschia, sembra proprio fare al caso suo. Una volta stabilitosi lì, però, la nebbia non smette di tormentarlo. E in quella nebbia ha sempre l'impressione che qualcuno lo osservi: sente strani ticchettii sui vetri e, soprattutto, comincia ad avere l'impressione che a Villa Nebbia ci sia un'altra presenza, oltre a Mariasole e Ilde... Possibile che si stia solo lasciando suggestionare dalle voci inquietanti che si rincorrono su quel luogo?

Commento/Recensione personale:

Queste sono le letture che amo scoprire. Non sono un'amante del genere "giallo" perché preferisco il thriller.
Il romanzo inizia con un prologo che riesce a catturare subito l'attenzione del lettore e fa nascere in lui la curiosità di scoprire di più sulla vicenda.
Il nostro protagonista, per sfuggire ai fantasmi del passato, si troverà a trasferirsi in un luogo chiamato "Villa Nebbia". Sin da subito si accorge che lì qualcosa non va e sentirà la presenza di qualcuno che però non riesce a vedere. Si sente osservato, ma non riesce proprio a capire come sia possibile la sua inspiegabile sensazione.
Da questo momento inizia un'indagine coinvolgente, sorprendente e a tratti divertente.
Mi sono innamorata ed affezionata ai personaggi perché grazie al linguaggio usato dall'autore e alla loro caratterizzazione riesce a renderli più simili a noi, facendoli apparire quasi come dei nostri amici.
Non ci troviamo di fronte ad una narrazione inquietante, nonostante la vicenda sia ambientata in un luogo misterioso ed avvolto dalla nebbia, e vengano descritti fenomeni paranormali e visioni spettrali.
La capacità dell'autore di coinvolgerci pagina dopo pagina non è mai scontata e riesce a dare il giusto equilibrio agli avvenimenti che si succedono, senza punti morti o noiosi.
Ringrazio Roberto Carboni anche per avermi inviato in privato una foto, scattata da lui in persona, del luogo in cui vive e che ha inevitabilmente ispirato la creazione di questa storia.
Ve lo consiglio senza alcun dubbio perché vi intratterrà piacevolmente, vi farà avvicinare a questo genere, riuscirà a conquistarvi con la sua semplicità e, a termine della lettura, creerà una sorta di vuoto dentro di voi per il dispiacere di dover lasciare quei personaggi e soprattutto Villa Nebbia.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:


[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix


lunedì 25 maggio 2020

Burt O.Z. Wilson - Meta Zero

Giorno 281 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio l'autore per avermi contattata e avermi inviato una copia in ebook del suo nuovo romanzo.


Titolo: Meta Zero
Autore: Burt O.Z. Wilson
Genere: Cyberpunk
Anno: 2020

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui


Trama:

Anno 2118. Dopo l’attacco nucleare di Giappone, Corea e Stati Uniti avvenuto nel 2026 ai danni della Cina, il mondo è da poco uscito da una crisi economica e di rallentamento tecnologico che persegue a fatica il mantenimento dell’ecologia globale. In un futuro credibile, allineato agli avvenimenti del passato seppure continuando ad evolversi, il romanzo racconta di Owal, un agente dei Servizi europei costretto a lavorare per l’Asse al fine di ritrovare la figlia scomparsa di un importante ricercatore giapponese di innesti cibernetici. Al centro di tutto il Meta Zero: il tentativo riuscito di trapiantare la coscienza umana, l’anima, all’interno di un corpo cibernetico. L’oggetto di una ricerca sfrenata, di interessi mondiali e di un uomo senza scrupoli.
Una continua domanda rivolta al futuro: la creazione umana potrà sostituirsi a quella di Dio? E nel suo presente, cosa può salvare un uomo dalla rovina se non qualcosa di simile all’amore?

Commento/Recensione personale:

In passato ho già avuto modo di avvicinarmi a questo autore grazie alla sua prima pubblicazione di cui trovate la mia recensione cliccando QUI.
Questo nuovo titolo l'ho trovato a dir poco geniale poiché ha mescolato tre generi: la narrativa tradizionale, lo stile manga e il cyberpunk.
Conoscevo questa corrente letteraria e artistica (appunto il cyberpunk) già da molti anni, dopo che mio fratello mi portò ad avvicinarmi ad essa tramite videogiochi e film.
Chi non è avvezzo a questo genere non disperi: Burt infatti vi dedica un intero approfondimento nella parte iniziale dello spin-off intitolato "Tokyo Neural Groove".
Come già anticipato, si tratta di un titolo particolare: la parte predominante è quella della narrazione, ma ogni capitolo si conclude con disegni e vignette in pieno stile manga. Ciò influisce anche nella lettura poiché, grazie a questo sistema, esso risulta più scorrevole e accattivante.
La trama in sé, non è del tutto originale, ma l'autore riesce a non sfociare nel banale, inserendo diversi colpi di scena, la componente romance e, seppur ha inserito delle scene esplicite di sesso, non sfociano mai nel volgare e, soprattutto, non sono buttate lì a casaccio. Magari alcune espressioni le avrei evitate, ma questo è un mio gusto personale.
Non mancano l'azione, i colpi di scena, l'amore, lo stupore e il finale che chiaramente ci porta a pensare e sperare in un seguito.
Ho apprezzato anche la componente fantascientifica che non è predominante, ma va a completare il quadro narrativo.
Un'altra cosa interessante è la costante ricerca del "Meta" e la sua spiegazione, che ovviamente non vi dirò per non rovinarvi la sorpresa.
I personaggi sono resi simili a tutti noi: ragazzi comuni e non i soliti eroi che rimangono nella nostra immaginazione.
In conclusione, mi sento di consigliarvelo e di confermare che Burt non mi delude mai e le mie aspettative, nei confronti delle sue storie, crescono sempre di più.
Non tralasciate la lettura dello spin-off perché va a chiarire diversi punti della trama principale. Potete leggerlo sia prima che dopo, io personalmente ho preferito leggerlo prima.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:

[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix


giovedì 21 maggio 2020

Giovanni Ardemagni - Un momento fa, forse

Giorno 280 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio Luca Terlizzi per avermi contattata, aver insistito affinché leggessi questo titolo e per avermi inviato una copia in ebook.


Titolo: Un momento fa, forse
Autore: Giovanni Ardemagni
Casa editrice: Pegasus Edition
Genere: Narrativa
Anno: 2019

Link d'acquisto tramite Amazon:

Copertina flessibile:  Clicca qui


Trama:

In una Zurigo frenetica, il tempo si ferma, un momento fa, forse. Due amici, Marcel e "G" Vengono licenziato dalla loro azienda. Essere licenziati a 50 anni non dovrebbe essere una condanna ma un'opportunità di proseguire il proprio cammino verso una realizzazione personale in crescendo, invece, il romanzo di Giovanni Ardemagni ci rimanda in modo implacabile alla fragilità di una società mediatizzata, convulsa e sterile di soluzioni appropriate alla grandezza dell'uomo, lasciando i due protagonisti al loro libero arbitrio.

Commento/Recensione personale:

Ho da poco portato a termine la lettura di questo romanzo e devo dire che mi ha davvero sorpresa.
Non è facile scrivere di un argomento così delicato come la perdita del lavoro e il nostro autore lo fa usando un linguaggio semplice, chiaro, scorrevole e coinvolgente. Ciò permette di non far risultare pesante la narrazione.
In alcuni tratti vedremo anche come l'ironia, usata da Giovanni Ardemagni, andrà a spezzare e a dare un respiro di sollievo alla lettura che altrimenti risulterebbe molto cupa.
Mi è piaciuta anche la caratterizzazione dei personaggi, in particolar modo dei loro sentimenti e degli stati d'animo che provano in determinati momenti.
I protagonisti della narrazione si ritrovano improvvisamente senza lavoro e saranno costretti a scontrarsi con la società che si rivela terribilmente spietata.
Oltre alla perdita del lavoro che è il tema principale e funge da filo conduttore per la storia, si intrecciano diverse vicende, sia d'amicizia che d'amore. Ho apprezzato un po' meno la componente "romance" a causa di scene troppo esplicite, ma il messaggio trasmesso dall'autore non ne viene comunque intaccato.
Certi argomenti è giusto che vengano trattati affinché si conosca una realtà fortemente presente ai giorni nostri, ma sulla quale si tende a tacere.


Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:

[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix
Goodreads: Martina (Smallintrix)




giovedì 14 maggio 2020

Debhora Casalloni - L'India si è presa cura di me

Giorno 279 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione. Ringrazio l'autrice per avermi contattata e avermi omaggiata con una copia del romanzo.


Titolo: L'India si è presa cura di me
Autrice: Debhora Caselloni
Casa editrice: Bookabook
Genere: Autobiografico
Anno: 2018

Link d'acquisto tramite Amazon:

Kindle: Clicca qui

Copertina flessibile: Clicca qui


Trama:

Nel 2016 Debhora ha 26 anni e ha già raggiunto tutti gli obiettivi personali e professionali che si era posta. Ma rimane la sensazione che qualcosa non vada, come se tutto quello che ha fatto finora dipendesse dalle aspettative degli altri e non dalla sua volontà. Decide quindi di partire per l'India alla scoperta di se stessa. Per cinque mesi ha modo non solo di vivere tutte le difficoltà che un viaggio del genere comporta, ma anche la vita quotidiana del Paese in cui si trova. Attraverso le sue esperienze, riportate in questo diario, Debhora ha modo di riflettere sulla sua vita e capire finalmente i suoi errori.

Commento/Recensione personale:

Si tratta di una sorta di diario, poichè ci narra di un viaggio spirituale intrapreso dall'autrice, alla ricerca del proprio essere e della propria spiritualità.
Nel 2016 decide di lasciare tutto: la propria famiglia, la carriera e i traguardi raggiunti per partire in India.
Questo paese l'accoglie a braccia aperte e qui, riscopre una umanità che purtroppo in Italia, vuoi per lo sviluppo economico, vuoi per la quotidianità lavorativa si è persa.
Viene accolta da diverse famiglie e con ognuna di loro instaura rapporti veri e sinceri, basati sulla purezza dell'animo.
Ciò che mi è piaciuto particolarmente è stata la capacità dell'autrice nel farci vivere quei momenti, farci immaginare nella nostra mente quei luoghi.
Chiaramente, trattandosi di luoghi poveri, il viaggio non è stato per nulla semplice. Spesso si è ammalata bevendo acqua sporca, mangiava cibo totalmente diverso da quello al quale era abituata. Tutto ciò, però, le fa scoprire una parte di sé a lei sconosciuta. Guidata dalla propria fede e dalla volontà di continuare il proprio viaggio, non si fa abbattere dagli ostacoli che incontra durante il cammino, anzi, riesce a trovare un senso a tutto ciò che le capita. L'entusiasmo, la gioia e la fede che sono i tre elementi che la guideranno in ogni tappa e in ogni istante vissuto, traspaiono con semplicità nelle sue parole scritte.
Bella l'idea anche di inserire delle foto, per poter guardare i suoi sorrisi accompagnati da quelli della gente del luogo.
E' una lettura che ho "divorato" poichè lo stile di scrittura è molto coinvolgente e semplice, riuscendo nell'intento di far immedesimare il lettore nella propria persona e vivere le stesse emozioni e sensazioni che l'autrice ha vissuto.
Lo consiglio perchè è una di quelle letture che vi resta dentro e vi porta a riflettere su molti aspetti della vita.

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:


[Sono affiliata ad Amazon, quindi se acquisterete dai link da me postati, riceverò una piccola percentuale che mi aiuterà a mantenere il blog e i vari social. Questa percentuale non andrà ad influire sul prezzo del vostro acquisto. Grazie a chi lo farà e a chi, ogni giorno, mi sostiene e crede in me.]


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix

martedì 5 maggio 2020

Serie tv: Skam Italia

Giorno 278 (nel mio blog):

Ben ritrovati, cari lettori, con una nuova recensione.


Titolo: Skam Italia
Stagioni: 1-2-3- In corso
Distribuzione: TimVision e Netflix
Anno: 2018


Trama:

La webserie tratta le vicende di alcuni adolescenti in un liceo di Roma. Skam Italia è un remake di Skam, una webserie della Norvegia che parla della vita dei ragazzi che frequentano un liceo a Oslo. Ogni stagione si concentra su un protagonista.

Commento/Recensione personale:

Si tratta del remake di "Skam" serie famosissima in Norvegia.
Ero piena di pregiudizi su questa serie: non amo particolarmente la recitazione degli attori italiani, tranne alcune eccezioni.
Su questa serie tv mi sono dovuta assolutamente ricredere: non solo gli attori sono all'altezza dei ruoli ai quali sono stati assegnati, ma la vicenda ti coinvolge puntata dopo puntata senza mai annoiarti.
Non mi intendo dell'aspetto tecnico di una serie o un film, ma in questo caso devo dire che la fotografia è magistrale, quasi poetica. I colori sono ben distribuiti e mescolati creando delle scene chiaro/scuro a dir poco sensazionali.
Sono tre stagioni composte da 11 episodi della durata massima di 30 minuti quindi scorrono velocemente soprattutto perchè ogni puntata finisce con un colpo di scena o un messaggio importante che ti spinge a iniziare subito la stagione successiva.
Un'altra cosa che ho apprezzato è la profondità di alcuni dialoghi, spiegati in modo semplice, ma che sicuramente fanno riflettere e sensibilizzano lo spettatore di fronte a certi temi: l'omosessualità, le differenze culturali, l'amore adolescenziale, il non fermarsi alla prima impressione e scavare in fondo nella personalità di qualcuno per capire certi comportamenti.
La serie non è perfetta, riconosco che alcune cose potevano essere approfondite meglio, come ad esempio dei risvolti di trama che vengono presentati nella stagione successiva senza spiegare come si arriva a questi. E' inevitabile dire che come riesce a catturarti "Skam Italia" in poche riescono.
Teniamo presente anche il target a cui è rivolta, un pubblico adolescenziale, ma ciononostante non risulta mai diseducativo, anzi mette in risalto alcune bravate caratteristiche di quell'età che sono estremamente nocive sottolineando le conseguenze di quelle azioni: ad esempio l'abuso di alcol.
Non è facile descrivervi tutte le mie emozioni e sensazioni, ma posso dirvi di aver divorato tre stagioni in due giorni e non mi succedeva da tanti anni, nonostante io veda ogni giorno serie tv.
Non ho intenzione di guardare né la serie originale norvegese, né gli altri remake perchè la storia si somiglia pur presentando qualche piccola differenza e perchè a mio parere, e leggendo qualche commento in giro, quella italiana è la migliore tra tutte e non stento a crederlo.
Aspetto la quarta stagione con impazienza che verrà distribuita da Netflix e Tim Vision il 15 maggio.
Se posso darvi un consiglio è: guardatela, guardatela, guardatela!

Grazie per aver letto anche questa recensione.
Alla prossima da:


---> Seguitemi sui vari social:

Twitter: @smallintrix